La pietra al femminile plurale

../../media/formato3/piba_769.jpg

Concept di Grafton Architects per il padiglione Pibamarmi all’edizione Marmomacc 2012



L’architettura dei Grafton Architects è plastica e compatta, eppure permeabile allo sguardo e all’attraversamento grazie a scavi, sospensioni, sprofondamenti; delineata per masse solide, “rocciose e accoglienti” ad un tempo, essa troverà una nuova occasione di espressione nel padiglione Pibamarmi per l’edizione Marmomacc 2012.
La proposta dei Grafton Architects per l’allestimento litico è caratterizzata da una composizione di monoliti rettificati, pensata per dar vita ad una scalea espositiva che accolga acqua, vegetazione ed elementi di design in pietra. La grande scogliera emergerà dalla quota pavimentale come un frammento di lussureggiante paesaggio, a tratti carsico e cavo all’interno, per ospitare il visitatore in vuoti inattesi, quasi ipogei.

../../media/formato3/piba_770.jpg

Concept di Grafton Architects per il padiglione Pibamarmi all’edizione Marmomacc 2012



Profilo Grafton Architects
Lo studio Grafton Architects si forma a Dublino nel 1978 e ha al suo attivo importanti realizzazioni di edifici pubblici per istituzioni ed università tra cui si ricordano il Dipartimento di Ingegneria Meccanica del Trinity College e gli Uffici del Ministero delle Finanze a Dublino, la Scuola di medicina e lo studentato dell’Università di Limerick, l’ampliamento dell’Università Bocconi a Milano; quest’ultima opera ha valso allo studio riconoscimenti internazionali come il World Building of the Year 2008 ed il piazzamento tra i cinque finalisti del Mies Van Der Rohe Prize 2009.
Altri importanti edifici progettati dagli architetti in Irlanda sono la stazione dei vigili del fuoco di Drogheda, la Loreto Community School a Milford e il Solstice Art Centre di Navan. Di recente lo studio si è aggiudicato i concorsi internazionali per la realizzazione della Scuola di economia dell’Università di Tolosa e per il nuovo Campus UTEC dell’Università di Lima, in Perù.

../../media/formato3/piba_771.jpg

Shelley McNamara e Yvonne Farrell, fondatrici e coordinatrici dello studio Grafton Architects



I Grafton Architects sono stati il primo studio di architettura irlandese ad essere invitato alla Biennale di Venezia nel 2002. Successivamente la loro presenza nella prestigiosa rassegna in laguna è stata ribadita nel 2008 e si ripeterà nel 2012.
Lo studio è diretto da Yvonne Farrell e Shelley McNamara che hanno tenuto corsi universitari e conferenze a Dublino, Harvard, Londra, Losanna, Oslo, Yale e Mendrisio. Le progettiste hanno inoltre partecipato a numerose e prestigiose giurie di premi di architettura come il RIBA Stirling Prize 2008, il British Civic Trust 2010, il Mies Van Der Rohe Prize 2011 e il RIBA Award 2012.

di Davide Turrini

Informazioni aggiuntive
Grafton Architects